CHIAMA
030 72 82 644

CONTRATTI DI CONVIVENZA

CONTRATTI DI CONVIVENZA

La legge n. 76/2016, c.d. Legge Cirinnà, all’art.1 dai comma 36 al comma 67, disciplina la tutela giuridica rivolta alle c.d. coppie di fatto.

Il presupposto per l’applicazione della legge è la “convivenza di fatto” cioè l’esistenza di due persone dello stesso sesso o di sesso diverso, maggiorenni, che siano “ unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimoni o da un’unione civile”.

La recente legge ha attribuito ai conviventi la facoltà di regolare i propri rapporti patrimoniali mediante un contratto di convivenza, le cui regole di costituzione, modifica, risoluzione, prevedono l’atto pubblico o la scrittura privata autenticata con l’assistenza di un notaio o di un avvocato che ne deve valutino la conformità alle norme imperative e al diritto positivo.

            L’oggetto di tali accordi può essere il più vario:

  • reciproca assistenza,
  • premorienza di uno dei due conviventi,
  • casa di comune residenza,
  • regime patrimoniale prescelto,
  • le modalità con le quali ciascun componente è chiamato a contribuire alle necessità della vita comune.

Sottoscritto il contratto, entro dieci giorni dalla sua stipula, gli avvocati e i notai lo comunicheranno nell’anagrafe di residenza dei conviventi affinchè lo stesso acquisti efficacia nei confronti dei terzi.

            Perché sottoscrivere un patto di convivenza?

Dal contratto di convivenza nascono dei veri e propri obblighi giuridici a carico delle parti che legittimano la parte non inadempiente a rivolgersi al giudice per ottenere quanto le spetta.

Alcuni accordi sono destinati a disciplinare i rapporti tra i conviventi proprio a partire dalla cessazione del rapporto di convivenza: si pensi a tutti gli accordi che fissano le modalità per la definizione dei reciproci rapporti patrimoniali in caso di cessazione della convivenza e la divisione dei beni comuni.

…e come fare a sciogliersi dal contratto?

Semplice, la risoluzione del patto di convivenza è sempre permessa e può aversi, tra le varie ipotesi, con un dichiarazione di recesso unilaterale ricevuta o autenticata da un notaio o da un avvocato.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up