CHIAMA
030 72 82 644

Riforma fallimento: le novità

Riforma fallimento: le novità
  1. la parola fallimento verrà sostituita con l’espressione “liquidazione giudiziale”;
  2. razionalizzazione delle procedure di liquidazione premiate con l’introduzione di incentivi se si rinvengono accordi stragiudiziali per la composizione della crisi;
  3. nuove norme “salva-famiglie”;
  4. più tutela per chi acquista immobili in costruzione.
  1. 1. da fallimento a liquidazione giudiziale

La riforma del diritto fallimentare muove da una revisione linguistica: si eliminano le espressioni fallito e fallimento in favore di “liquidazione giudiziale”.

Inoltre, viene eliminata la dichiarazione di fallimento d’ufficio e viene introdotta una nuova definizione di stato di crisi.

Lo stato di crisi non è più incapacità definitiva di far fonte ai debiti, ma è definita come “la probabilità di futura insolvenza”.

  1. 2. le procedure di allerta preventiva

Uno dei punti forti della riforma è la disciplina delle procedure di allerta e di composizione assistita della crisi.

Tali accordi avranno di natura stragiudiziale e non pubblica al fine di agevolare lo svolgimento delle trattative tra il debitore e i creditori.

All’uopo, saranno previste anche degli incentivi all’uso di tali trattative tra cui, per esempio, la riduzione degli interessi e delle sanzioni per debiti fiscali durante la fase della conclusione dell’accordo.

  1. 3. Misure salva-famiglie

Inoltre, si prevede di concedere al debitore meritevole che non abbia alcuna utilità, nemmeno futura, ” di accedere all’esdebitazione, solo per una volta, fatto salvo l’obbligo di pagamento del debito entro quattro anni, laddove sopravvengano utilità“.

Tra le altre, il debitore – consumatore potrà chiedere la ristrutturazione anche dei crediti derivanti da contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio o della pensione e dalle operazioni di prestito su pegno.

4. A ulteriore tutela delle famiglie, si introdurrà il diritto degli acquirenti di immobili da costruire di chiedere la nullità relativa del contratto preliminare nell’ipotesi in cui la polizza fidejussoria risulti invalida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up