CHIAMA
030 72 82 644

SI’ ALL’ASSEGNO DIVORZILE

SI’  ALL’ASSEGNO  DIVORZILE

IL CASO.

Sulla domanda di divorzio, il Tribunale determinava la liquidazione dell’assegno divorzile a carico dell’oramai ex marito.

Successivamente, la Corte d’Appello rilevava che il reddito attualmente percepito dalla ex moglie fosse sufficiente a garantirle il tenore di vita goduto durante la vita matrimoniale e, quindi, riduceva l’assegno di mantenimento in suo favore.

L’ex moglie ricorreva in Cassazione lamentando il mancato riferimento alle «condizioni economiche-patrimoniali delle parti» comprensive dei contributi forniti durante la vita familiare.

LA SOLUZIONE.

Gli Ermellini hanno ritenuto che l’importo dell’assegno di mantenimento a favore dell’ex moglie deve essere espresso alla luce della valutazione comparativa

  1. delle condizioni economiche patrimoniali delle parti;
  2. della durata del matrimonio;
  3. dell’età dell’avente diritto all’ assegno;
  4. del contributo fornito dal richiedente alla vita familiare e alla formazione del patrimonio comune e personale di ciascuno degli ex coniugi.

In definitiva,  l’assegno scaturisce dall’analisi degli elementi di valutazione relativi alle condizioni economiche dei coniugi.

E, in ogni caso, la mancata richiesta di assegno di mantenimento in sede di separazione non è preclusiva del riconoscimento di detto assegno in sede divorzile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi