CHIAMA
030 72 82 644

Categoria:Diritto di famiglia

SI PUO’ CAMBIARE RESIDENZA AL FIGLIO MINORE?

SI PUO’ CAMBIARE RESIDENZA AL FIGLIO MINORE?

In caso di separazione e/o divorzio capita spesso che il genitore collocatario dei figli voglia trasferirsi e cambiare residenza. Tale libertà incontra dei limiti. Infatti, il trasferimento dei minori ricade nell’ambito di quelle decisioni che i genitori devono assumere di comune accordo nell’interesse dei figli. A tal riguardo, anche recentemente, la Corte di Cassazione ha […]

Leggi il seguito

CONVIVENZA E CONTRIBUTI PER LA CASA: SI RESTITUISCONO?

CONVIVENZA E CONTRIBUTI PER LA CASA: SI RESTITUISCONO?

Il caso. Una donna dichiarava di aver avuto una relazione con un uomo dal 1987 al 2003 e che, durante quegli anni, entrambi avevano contributo, con i propri risparmi e con i contributi lavorativi personali, alla costruzione di una casa, eretta tra il 1995 e il 1997. Al cessare della relazione l’uomo aveva trattenuto per […]

Leggi il seguito

IL MUTAMENTO DELLA CASSAZIONE NON GIUSTIFICA MODIFICA ASSEGNO

IL MUTAMENTO DELLA CASSAZIONE NON GIUSTIFICA MODIFICA ASSEGNO

Il caso. Un marito chiedeva la revoca e/o la riduzione dell’assegno divorzile posto a suo carico in ragione dell’autosufficienza economica dell’ex moglie beneficiaria che, secondo il recente orientamento della Cassazione, comporta il venir meno dei presupposti per l’attribuzione dell’assegno in questione. La soluzione. La legge prevede che per disporre la revisione dell’assegno divorzile è necessario […]

Leggi il seguito

MATRIMONIO NULLO: NO AL MANTENIMENTO

MATRIMONIO NULLO: NO AL MANTENIMENTO

IL CASO. Il tribunale Ordinario pronuncia la separazione personale dei coniugi e dispone a favore dell’ex moglie un assegno di mantenimento di 250 euro mensili. Successivamente, il Tribunale Ecclesiastico dichiara nullo il matrimonio e, conseguentemente, anche i provvedimenti economici a favore della moglie che tale non fu mai. LA SOLUZIONE. Se il matrimonio celebrato in […]

Leggi il seguito

ASSEGNO DI MANTENIMENTO: NO ALLA COMPENSAZIONE

ASSEGNO DI MANTENIMENTO: NO ALLA  COMPENSAZIONE

Il caso. L’ex coniuge notificava alla ex moglie un atto di precetto per il pagamento di spese di lite. L’ex moglie si opponeva al pagamento in quanto affermava di essere, a sua volta, creditrice del marito per il mancato versamento del mantenimento suo e delle figlie.
 Il tribunale e la Corte d’Appello rigettavano le motivazioni […]

Leggi il seguito

MAMMA IN DIFFICOLTA’: PAGANO I NONNI?

MAMMA IN DIFFICOLTA’: PAGANO I NONNI?

Il caso. Una donna, madre di due bambini piccoli e in difficoltà economica avendo un reddito mensile di appena 700 euro, chiede ai suoceri di pagare gli alimenti per i nipoti. Obbligo di mantenimento dei figli minori spetta ai genitori. Se uno dei due non può o non vuole adempiere al proprio dovere, l’altro deve […]

Leggi il seguito

CASA AL GENITORE NON COLLOCATARIO?

CASA AL GENITORE NON COLLOCATARIO?

 L’orientamento dominante della giurisprudenza è di assegnare la casa famigliare al genitore collocatario dei figli minori. Infatti, ex art. 155 quater c.c., l’assegnazione della casa costituisce strumento volto a tutelare i minori garantendo loro di crescere in un ambiente conosciuto. In definitiva, l’attribuzione dell’ex casa coniugale è connessa esclusivamente con il collocamento e con l’interesse dei […]

Leggi il seguito

IL MARITO INSEGUE COMPAGNIE ON LINE; LA MOGLIE VA VIA DI CASA

IL MARITO INSEGUE COMPAGNIE ON LINE; LA MOGLIE VA VIA DI CASA

La crisi coniugale NON è ADDEBITABILE alla moglie. Il caso. La moglie scopre che il marito ricerca compagnia femminile sul webe, quindi, la consorte decide di andarsene di casa. I Giudici della Corte Suprema di  Cassazione ritengono che la decisione sia non solo comprensibile, ma anche legittima. In sostanza, il comportamento dell’uomo è « una violazione degli obblighi di […]

Leggi il seguito

DISOCCUPATO: NO GIUSTIFICAZIONE PER IL MANCATO VERSAMENTO

DISOCCUPATO: NO GIUSTIFICAZIONE PER IL MANCATO VERSAMENTO

Un padre licenziato all’improvviso e inserito nelle cosiddette ‘liste di disoccupazione’ ha versato solo in parte l’assegno di mantenimento per il contributo alle figlie minorenni. Ciò nonostante, l’uomo viene condannato per non avere provveduto a versare integralmente l’assegno stabilito in Tribunale come contributo per il mantenimento delle figlie. Situazione oggettiva e incolpevole di indisponibilità di […]

Leggi il seguito

AUMENTO DELL’ASSEGNO SE L’EX SI LICENZIA?

AUMENTO DELL’ASSEGNO SE L’EX SI LICENZIA?

Una donna chiede la maggiorazione dell’assegno divorzile dovutole dall’ex marito per aver perso il reddito da lavoro. La Corte di Cassazione tenendo conto della breve durata della convivenza matrimoniale e delle condizioni personali ed economiche della ex, abilitata all’esercizio della professione forense e proprietaria di immobili, non accoglie la richiesta di revisione dell’assegno di mantenimento. Infatti, la conservazione del tenore […]

Leggi il seguito
Scroll Up