CHIAMA
030 72 82 644

DIVORZIO, VIA LIBERA ALLA REVISIONE ASSEGNI DI MANTENIMENTO?

DIVORZIO, VIA LIBERA ALLA REVISIONE ASSEGNI DI MANTENIMENTO?

Numerosi ex mariti stanno valutano l’opportunità di proporre una domanda giudiziale avente a oggetto la revoca e/o la riduzione dell’assegno divorzile sulla base del nuovo indirizzo giurisprudenziale, Cass. n. 11504/17, con cui si è sostituito il criterio della conservazione del tenore di vita con quello dell’indipendenza economica .

E’ davvero semplice per l’ex coniuge obbligato a versare l’assegno ottenere la revoca o la riduzione dell’assegno di divorzio? 

Innanzitutto, l’ex coniuge che vuole ottenere la revoca e/o la riduzione dell’assegno deve provare che l’avente diritto all’assegno può mantenersi da solo.

L’autosufficienza dell’ ex si prova dimostrando:

  • la titolarità di redditi di qualsiasi specie, per esempio, anche la coabitazione con nuovo patner;
  • la proprietà e/o la dispnibilità di cespiti patrimoniali immobiliari e mobiliari;
  • la capacità e l’effettiva attitudine a rinvenire un’occupazione lavorativa;
  • la disponibilità di una casa di abitazione.

Pertanto, l’indipendenza non si ha se l’ex non dispone di proprietà e non si dimostra la sua capacità al lavoro o la possibilità di rinvenirlo.

In definitiva, la sentenza ha aperto la strada a una nuova interpretazione del diritto all’assegno di mantenimento, ma tale via non pare aprire incondizionatamente la strada alla perdita e/o alla riduzione degli assegni già stabiliti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up