CHIAMA o scrivi con Whatsapp
030 72 82 644

CASA AL GENITORE NON COLLOCATARIO?

CASA AL GENITORE NON COLLOCATARIO?

 L’orientamento dominante della giurisprudenza è di assegnare la casa famigliare al genitore collocatario dei figli minori.

Infatti, ex art. 155 quater c.c., l’assegnazione della casa costituisce strumento volto a tutelare i minori garantendo loro di crescere in un ambiente conosciuto.

In definitiva, l’attribuzione dell’ex casa coniugale è connessa esclusivamente con il collocamento e con l’interesse dei figli.

Tuttavia, alcune circostanze possono lasciare la disponibilità dell’immobile al genitore non collocatario della prole.

Per esempio, se i genitori  hanno concordato il trasferimento della madre con i figli in una casa diversa dalla residenza familiare.

In tale ipotesi, l’interesse primario della prole non sarà più di continuare a vivere nell’abitazione coniugale, ma di dare stabilità al trasferimento con la madre presso altra dimora.

Concludendo, come precisato dalla Cassazione, perché la casa sia assegnata al genitore NON COLLOCATARIO è fondamentale che l’interesse dei figli a continuare a vivere nella casa familiare sia venuto meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi