CHIAMA o scrivi con Whatsapp
030 72 82 644

SI PUO’ CAMBIARE RESIDENZA AL FIGLIO MINORE?

SI PUO’ CAMBIARE RESIDENZA AL FIGLIO MINORE?

In caso di separazione e/o divorzio capita spesso che il genitore collocatario dei figli voglia trasferirsi e cambiare residenza.

Tale libertà incontra dei limiti.

Infatti, il trasferimento dei minori ricade nell’ambito di quelle decisioni che i genitori devono assumere di comune accordo nell’interesse dei figli.

A tal riguardo, anche recentemente, la Corte di Cassazione ha precisato che

“dovere primario di un buon genitore affidatario è quello di non allontanare il figlio dall’altra figura genitoriale.  

E ha anche aggiunto che ” … ogni genitore responsabile e consapevole dell’insostituibile importanza della presenza dell’altro genitore nella vita del figlio, deve saperne conservare l’immagine positiva agli occhi e nel cuore del minore… in termini concreti”.

Interesse primario del Legislatore è garantire al minore una crescita sana ed equilibrata nel rispetto del principio di bigenitorialità.

Ne consegue che il genitore collocatario che, arbitrariamente, senza il consenso dell’altro, si trasferisca con i figli, compie un atto illegittimo.

Soluzione.

Il genitore collocatario, nell’interesse primario del minore e nel rispetto del principio di bigenitorialità, prima di effettuare un cambio di residenza o di domicilio, dovrà  darne comunicazione all’altro genitore al fine di consentirgli di esercitare il suo ruolo genitoriale senza chiedere l’intervento del Giudice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi