CHIAMA o scrivi con Whatsapp
030 72 82 644

L’INQUILINO PUO’ ACQUISTARE IMMOBILE?

L’INQUILINO PUO’ ACQUISTARE IMMOBILE?

Un’importante forma di tutela accordata al conduttore di immobile adibito a uso abitativo o a uso diverso da quello abitativo, consiste nell’attribuzione al medesimo del diritto di prelazione.

Nell’eventualità in cui il locatore intenda trasferire a titolo oneroso l’immobile locato, spetta al conduttore la possibilità di acquisire la proprietà dell’immobile a titolo oneroso a parità di condizioni con preferenza rispetto a terzi.

Il mancato rispetto di tale diritto comporta l’attribuzione al conduttore leso la facoltà di riscatto, cioè di “riprendersi” l’immobile dall’acquirente e da ogni altro successivo avente causa.

Nella prelazione abitativa il fine della norma è certamente quello di garantire al conduttore, con lo strumento dell’acquisto dell’appartamento, il continuare ad abitarlo. La ragione dell’istituto prelazione commerciale é stata identificata nella conservazione dell’avviamento.

Che ne è della sorte dei canoni locatizi?

Si ritiene preferibile ritenere che nel tempo intercorrente tra l’eventuale vendita effettuata dal locatore in spregio alla prelazione e il vittorioso esercizio dell’azione di riscatto da parte del conduttore il predetto conduttore non debba corrispondere alcun canone al terzo acquirente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi