CHIAMA o scrivi con Whatsapp
030 72 82 644

NEW: DIRITTO ASSEGNO DIVORZILE ALL’EX?

NEW: DIRITTO ASSEGNO DIVORZILE ALL’EX?

IL CASO

Dopo ventinove anni di matrimonio, a seguito di una separazione consensuale che nulla disponeva a titolo di contributo al mantenimento per l’uno o l’altro coniuge, la sentenza di divorzio prevedeva a carico dell’ex marito l’obbligo di corrispondere alla ex moglie un importo mensile a titolo di assegno divorzile.

La Corte d’Appello negava il diritto dell’ex coniuge a percepire un importo a titolo di assegno divorzile, mancando lo stato di necessità e quindi l’obbligo solidaristico.

Infatti, si ricorda che col 2017 il criterio basato sul tenore di vita goduto dal richiedente nel corso del matrimonio è venuto meno.

Impugnazione: i motivi di diritto.

Tuttavia, secondo l’ex coniuge, in primo luogo, il criterio della indipendenza o autosufficienza economica del coniuge richiedente l’assegno non trova alcun riscontro nel testo della norma (art. 5 l. 898/1970).

Inoltre, la ricorrente si chiede quali siano i parametri concreti per questa indipendenza economica: lo stipendio medio di operai e impiegati?

La pensione sociale?

Un reddito medio rapportato alla classe sociale-economica dei coniugi?

Infine, secondo la ricorrente, il nuovo parametro dell’indipendenza economica lederebbe il principio di solidarietà che continua invece a sussistere in merito al diritto alla pensione di reversibilità e ad una quota del trattamento di fine rapporto.

La nuova pronuncia del Supremo Collegio.

Risolvendo il contrastato giurisprudenziale, le Sezioni Unite della Suprema Corte, con la sentenza n. 18287/18 hanno deciso che bisogna adottare «un criterio composito».

In particolare, le Sezioni Unite risolvono il contrasto giurisprudenziale e chiariscono che il giudice, nel determinare l’assegno a favore del coniuge economicamente più debole, deve procedere alla «valutazione comparativa delle rispettive condizioni economico-patrimoniali», dando «particolare rilievo al contributo fornito dall’ex coniuge richiedente alla formazione del patrimonio comune e personale,in relazione alla durata del matrimonio, alle potenzialità reddituali future ed all’età dell’avente diritto. Il parametro così indicato si fonda sui principi costituzionali di pari dignità e di solidarietà che permeano l’unione matrimoniale anche dopo lo scioglimento del vincolo».

I matrimoni non sono tutti uguali.

Il nuovo parametro indicato dalla Suprema Corte in materia di assegno divorzile tiene conto delle peculiarità e specificità tipiche di ogni matrimonio.

Il giudice, nel caso concreto, dovrà operare un’analisi e un bilanciamento del contributo di ciascun coniuge alla conduzione della vita familiare, in considerazione delle singole scelte, della durata del matrimonio, dell’età dei coniugi e delle loro potenzialità reddituali e lavorative future.

In definitiva, il riconoscimento dell’assegno di divorzio richiede l’accertamento della inadeguatezza dei mezzi anche alla luce del contributo fornito dal richiedente alla conduzione della vita familiare e alla formazione del patrimonio comune e personale di ciascuno degli ex coniugi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi