CHIAMA
030 72 82 644

Categoria:Diritto di famiglia

SE L’EX CONVIVE PERDE ASSEGNO DI MANTENIMENTO?

SE L’EX CONVIVE PERDE ASSEGNO DI MANTENIMENTO?

La Corte di Cassazione ha stabilito che alla moglie divorziata che convive con un altro uomo, anche se è un mera situazione di fatto, non spetta alcun assegno di mantenimento. Inoltre, il diritto della ex moglie a ricevere l’assegno divorzile scompare definitivamente nel caso in cui lei si rifaccia una vita costituendo una famiglia di […]

Leggi il seguito

ASSEGNO DI MANTENIMENTO AL MAGGIORENNE: FINO A QUANDO?

ASSEGNO DI MANTENIMENTO AL MAGGIORENNE: FINO A QUANDO?

Un padre chiedeva al Giudice di disporre la revoca dell’assegno di mantenimento a favore della figlia ventisettenne per aver la stessa rinvenuto un’occupazione e, quindi, perché economicamente autosufficiente. In ogni caso, il padre, viste le proprie difficoltà economiche, chiedeva almeno la diminuzione dell’assegno. Il Tribunale accoglieva solo la richiesta di riduzione del contributo dell’assegno. Il […]

Leggi il seguito

LA SEPARAZIONE DI FATTO

LA SEPARAZIONE DI FATTO

Si ha separazione di fatto quando uno o entrambi i coniugi interrompono la coabitazione e ogni onere connesso alla vita matrimoniale senza un provvedimento giudiziale che autorizzi la coppia a vivere separatamente.           La separazione “di fatto” è un modo rapido e senza costi per risolvere una crisi coniugale.  Vi sono vari modi con cui […]

Leggi il seguito

MISURA DELL’ASSEGNO DI MANTENIMENTO DI UN GENITORE

MISURA DELL’ASSEGNO DI MANTENIMENTO DI UN GENITORE

La Cassazione con la sentenza n. 19052, in merito all’ammontare dell’assegno di mantenimento del padre a favore delle figlie maggiorenni NON economicamente autosufficienti chiarisce quanto segue: non è violato il principio in base al quale ciascuno dei genitori deve provvedere al mantenimento dei figli in misura proporzionale alle proprie risorse economiche se non vengono presi […]

Leggi il seguito

GENITORI SEPARATI: TRASFERIMENTO FIGLI?

GENITORI SEPARATI: TRASFERIMENTO FIGLI?

La scelta della residenza abituale dei figli minori deve essere assunta dai genitori in modo condiviso e di comune accordo. In caso di disaccordo tra i genitori sulla residenza abituale dei minori, la scelta è rimessa al Giudice. Infatti, non è ammessa la decisione unilaterale del singolo genitore di trasferirsi altrove con i figli. Pertanto, […]

Leggi il seguito

DEVO RESTITUIRE IL PRELIEVO DA CONTO COINTESTATO?

DEVO RESTITUIRE IL PRELIEVO DA CONTO COINTESTATO?

L’ articolo 1911 del Codice Civile esclude l’obbligo di un coniuge di restituire all’altro quanto prelevato dal conto corrente cointestato solo se le somme che il coniuge cointestatario preleva dal patrimonio comune vengono utilizzate per adempiere alle obbligazioni contratte nell’interesse della famiglia, ossia quelle inerenti le spese di casa o l’istruzione e l’educazione dei figli. […]

Leggi il seguito

CONVIVENZA E SEPARAZIONE: QUALI DIRITTI?

CONVIVENZA E SEPARAZIONE: QUALI DIRITTI?

Nel nostro ordinamento non è ad oggi possibile individuare norme che pongano obblighi giuridici in capo ai conviventi more uxorio (coppie non sposate) al momento della rottura del rapporto. La giurisprudenza e la dottrina sono pressoché unanime nel ritenere che non sussista l’obbligo di mantenimento a carico di uno dei due partner. All’interno della “coppia di fatto” […]

Leggi il seguito

SEPARAZIONE DOMANDE FREQUENTI

SEPARAZIONE DOMANDE FREQUENTI

CON QUALE GENITORE VIVRANNO I FIGLI? Con la separazione i coniugi NON potranno più coabitare. Conseguentemente, uno dei due, dovrà rinunciare alla propria convivenza quotidiana e al proprio rapporto giornaliero con il o i figli. Il figlio verrà collocato presso uno solo dei genitori, nella maggior parte dei casi la mamma. Tuttavia non mancano eccezioni. […]

Leggi il seguito

L’ADDEBITO DELLA SEPARAZIONE PER INFEDELTA’

L’ADDEBITO DELLA SEPARAZIONE PER INFEDELTA’

Come noto, la separazione personale dei coniugi può essere richiesta quando ” si verificano fatti tali da rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza o da recare grave pregiudizio all’educazione della prole” . Ne consegue che il legislatore consente la cessazione dei doveri nascenti dal matrimonio quando si deve tutelare un interesse maggiore di quello della famiglia, […]

Leggi il seguito

CONDIZIONI DI EFFICACIA DELLA SENTENZA STRANIERA

CONDIZIONI DI EFFICACIA DELLA SENTENZA STRANIERA

In merito all’efficacia in Italia di una sentenza di separazione e/o di divorzio ottenuta in uno stato straniero, la Suprema Corte con la sentenza n. 24542/2016 osserva quanto segue: l’art. 31, comma 1, stabilisce che la separazione personale e lo scioglimento del matrimonio sono regolati dalla legge nazionale comune dei coniugi al momento della domanda di separazione […]

Leggi il seguito
Scroll Up